Castello di Vicarello Vini | Origini
20057
page,page-id-20057,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,edgt-core-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson child-child-ver-1.0.0,hudson-ver-1.3, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive
 

Origini

'Ho ascoltato la melodia del vento su queste colline che sentivo vibrare. Ho ascoltato il respiro di questa terra, l'eco di un passato che ho sognato divenisse presente. Ho ascoltato la mia anima fremere, libero come in mare aperto, ma certo di aver trovato un porto sicuro, scoprendo dove avevo bisogno di stare. Su questo poggio, avvolto dalla magia di trascorsi lontani oramai quasi persi nelle pieghe del tempo, qui dove tanto è stato, ho chiuso gli occhi e ho sentito il turgore della vita. Il desiderio di una vigna. Di colori, profumi e sapori da custodire in una bottiglia. Non più esistere, ma tornare a vivere.' ~ Carlo Baccheschi Berti

La famiglia Baccheschi Berti

I vini di Castello di Vicarello provengono da una tradizione familiare che si tramanda da due generazioni grazie a Carlo Baccheschi Berti e a suo figlio maggiore Brando.

Ispirandosi ai vini di Bordeaux, Carlo ha voluto realizzare il suo sogno avviando, in Toscana, un progetto importante che parte da coltivazioni ad alta densità in Maremma di vitigni sia autoctoni che internazionali. I due vini oggi in produzione, Castello di Vicarello e Terre di Vico traggono la loro ispirazione da Bordeaux, ma raccontano indiscutibilmente le colline maremmane come mai nessuno prima aveva pensato di interpretare.